Sversamento kerosene, ancora chiuso l’impianto irriguo

Sversamento kerosene, ancora chiuso l’impianto irriguo

109
0
SHARE

Starebbe tornando alla normalità la situazione dopo lo sversamento di kerosene che ha causato la contaminazione delle falde acquifere. Il consorzio Agro Romano Tevere avrebbe infatti ricevuto comunicazione da parte di Eni Spa che la situazione si starebbe normalizzando, tanto che proprio nella giornata di oggi dovrebbero iniziare le operazioni di riapertura dell’acqua per il servizio irriguo. Eni sta ultimando le ultime operazioni di bonifica localizzata.  Il Consorzio – come spiegato dal comune di Cerveteri – avrebbe comunque riserva d’acqua che corrisponde più o meno a un terzo del fabbisogno, quindi alcune zone del territorio di Cerveteri hanno continuato ad usare il servizio irriguo. Se la riapertura dovesse essere autorizzata già per la giornata di oggi, il servizio tornerà nella norma non prima di lunedì. Nella giornata di ieri, infatti, lo stesso consorzio aveva annunciato che a seguito dello sversamento di carburante sul canale di adduzione principale di irrigazione, si era provveduto su indicazione dei tecnici Eni presenti sul posto, in via cautelativa, alla sospensione del servizio irriguo. I comprensori irrigui interessati erano quelli di Monte Sallustri, Maccarese e Palidoro Santa Severa. All’interno di questi comprensori ricadono anche i comuni di Cerveteri e Ladispoli.